Monitoraggio inquinamento ambientale e campionatura amianto


L'amianto o asbesto è un minerale naturale caratterizzato da struttura microcristallina e aspetto fibroso, appartenente dal punto di vista della classificazione chimica alla classe dei silicati e alle serie mineralogiche del serpentino e degli anfiboli. Presente in natura in diverse parti del globo, l’amianto si ottiene facilmente dalla roccia madre tramite macinazione e arricchimento, che avvengono (o meglio avvenivano) solitamente in miniere a cielo aperto.

amianto.jpgamianto1.jpgamianto2.jpg

Grazie alla sua resistenza al calore e alla sua struttura fibrosa, l’amianto è stato utilizzato per anni nella produzione della famosa miscela cemento-amianto nota con il nome commerciale di Eternit per la coibentazione di edifici, tetti, navi, treni; inoltre l’amianto è stato largamente impiegato come materiale per l'edilizia, nella realizzazione di indumenti e tessuti a prova di fuoco come le tute dei vigili del fuoco, nella produzione di auto e persino come coadiuvante nella filtrazione dei vini. Una volta accertato che le polveri di amianto respirate sono responsabili di asbestosi, tumori della pleura, e carcinomi polmonari, l’uso di amianto è stato proibito in molti Paesi.

Teoricamente è sufficiente l'inalazione anche di una sola fibra di amianto ( si pensi che una fibra di amianto è 1300 volte più sottile di un capello umano) per causare patologie mortali, di conseguenza non esiste una soglia di rischio al di sotto della quale la concentrazione di fibre di amianto nell'aria non sia da considerarsi pericolosa. Ovviamente a maggiori esposizioni corrispondono probabilità esponenzialmente maggiori di contrarre tumori. L’amianto è dunque responsabile di situazioni estremamente gravi di inquinamento ambientale, su cui è sempre bene eseguire un monitoraggio rigoroso affidandosi a professionisti del monitoraggio inquinamento ambientale come i tecnici della VIELLE Acustica di Busto Arsizio, in provincia di Varese.

Siamo associati con...