La norma UNI 11367


Il 22 luglio 2010 è stata emanata l’attesa norma UNI 11367 “Acustica in edilizia - Classificazione acustica delle unità immobiliari - Procedura di valutazione e verifica in opera”. La norma prevede che le metodologie di classificazione acustica per i nuovi edifici siano attuate applicando tutte le moderne norme tecniche progettuali di calcolo (serie UNI EN 12354 e UNI/TR 11175), pertanto richiede uno studio previsionale dei requisiti acustici passivi all'inizio del progetto dell'edificio.

Grazie a un meticoloso lavoro tecnico, gli estensori delle norme UNI hanno classificato gli edifici in 4 diverse classi di prestazione di isolamento acustico che individuano caratteristiche ottime, buone, basilari e modeste, in relazione alle capacità dei pacchetti di isolamento acustico e del rumore degli impianti (classe I, II, III, IV). Inoltre le norme UNI in materia di requisiti acustici passivi hanno definito specifici limiti per alberghi e ospedali in un'appendice apposita.

In caso di mancato rispetto dei limiti in materia di requisiti acustici passivi indicati dalle citate norme ISO, la responsabilità può ricadere a cascata sul progettista, sull’impresa edile e sulla direzione dei lavori. Infatti ad oggi si contano numerose sentenze di vario grado che hanno stabilito che il mancato rispetto dei requisiti acustici passivi stabiliti per legge può causare un deprezzamento superiore al 20% del valore dell’immobile, imponendo il pagamento di danni per cifre pari a tali somme.

Di qui si comprende l’importanza del rispetto dei requisiti acustici passivi applicati agli edifici residenziali e commerciali, specie in fase progettuale degli stessi. Attenendosi ai limiti indicati dalla vigente normativa in materia, infatti, è possibile evitare una serie di spiacevoli conseguenze di tipo economico e pratico che possono ricadere sugli abitanti, sui proprietari o sui costruttori dello stabile in questione.

Proprio in quest’ottica si inscrive l’attività di aziende come la VIELLE Acustica di Busto Arsizio, in provincia di Varese, il cui obiettivo è quello di instaurare una proficua collaborazione con il cliente, al fine di assisterlo nelle fasi progettuali delle proprie opere architettoniche. Le valutazioni acustiche sugli edifici rappresentano infatti un valore aggiunto che può contribuire a rendere più facilmente e meglio vendibile un immobile, in modo analogo a quanto accade con le certificazioni energetiche. Positive valutazioni dei requisiti acustici passivi di un edificio sono infatti la garanzia di abitazioni caratterizzate da un livello di comfort ambientale più che accettabile.

VIELLE Acustica opera nel settore delle rilevazioni acustiche, ambientali e di vibrazioni nelle province di Varese (Castellanza, Vedano Olona, Marnate, Gallarate, Tradate, Somma Lombardo, Malnate, Saronno, Cassano Magnago, Gerenzano, Samarate, Venegono Superiore, Vergiate, Gorla Minore, Castiglione Olona, Olgiate Olona, Fagnano Olona, Caronno Pertusella, Lonate Pozzolo, Sesto Calende, Cardano al Campo, Luino, Cislago, Arcisate, Busto Arsizio, Varese, Gavirate, Besozzo, Laveno-Mombello, Uboldo, Induno Olona, Cairate, Origgio), Milano, e Monza e Brianza (Monza, Cesano Maderno, Limbiate, Brugherio, Vimercate, Giussano, Muggiò, Meda, Usmate Velate, Besana in Brianza, Carate Brianza, Arcore, Seregno, Lissone, Desio, Lentate sul Seveso, Concorezzo, Agrate Brianza, Villasanta, Varedo, Bovisio-Masciago, Biassono, Bernareggio, Nova Milanese, Seveso, Cornate d'Adda).

 

Siamo associati con...