Rilievi fonometrici


L’azienda VIELLE Acustica di Busto Arsizio, in provincia di Varese effettua rilievi vibrazionali e fonometrici in accordo con le principali norme di legge e normative UNI vigenti nel settore della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori, come le normative UNI 9614, il Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n. 187, recante "Attuazione della Direttiva 2002/44/CE sulle prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all'esposizione dei lavoratori dei rischi derivanti da vibrazioni meccaniche" e il Decreto Legislativo 10 aprile 2006, n. 195 "Attuazione della direttiva 2003/10/CE relativa all'esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (rumore)".

Sulla base di quanto prescritto dalle suddette norme di legge, i tecnici specializzati in rilievi strumentali e fonometrici, nella valutazione dei requisiti acustici passivi in edilizia, nel rilievo di vibrazioni e nelle bonifiche acustiche, oltre che nel più ampio settore del monitoraggio dell’inquinamento ambientale, della campionatura di polveri, radon e amianto, della rilevazione di campi elettromagnetici (CEM) e di radiazioni ottiche artificiali (ROA), eseguono rilievi fonometrici per pubbliche amministrazioni, professionisti, aziende e privati cittadini nelle province di Varese (Castellanza, Vedano Olona, Marnate, Gallarate, Tradate, Somma Lombardo, Malnate, Saronno, Cassano Magnago, Gerenzano, Samarate, Venegono Superiore, Vergiate, Gorla Minore, Castiglione Olona, Olgiate Olona, Fagnano Olona, Caronno Pertusella, Lonate Pozzolo, Sesto Calende, Cardano al Campo, Luino, Cislago, Arcisate, Busto Arsizio, Varese, Gavirate, Besozzo, Laveno-Mombello, Uboldo, Induno Olona, Cairate, Origgio), Milano, e Monza e Brianza (Monza, Cesano Maderno, Limbiate, Brugherio, Vimercate, Giussano, Muggiò, Meda, Usmate Velate, Besana in Brianza, Carate Brianza, Arcore, Seregno, Lissone, Desio, Lentate sul Seveso, Concorezzo, Agrate Brianza, Villasanta, Varedo, Bovisio-Masciago, Biassono, Bernareggio, Nova Milanese, Seveso, Cornate d'Adda).

Ma vediamo di chiarire in che cosa consistono i rilievi fonometrici e con quali strumenti vengono eseguiti. Si dicono rilievi fonometrici tutti quei rilievi strumentali effettuati allo scopo di quantificare con la massima precisione possibile il livello di rumore cui i lavoratori sono esposti mediamente. La rilevazione fonometrica viene eseguita applicando metodiche e strumenti conformi alla norma UNI 9432:2011, e viene seguita da una dettagliata relazione tecnica.

Per quanto riguarda la strumentazione utilizzata dai tecnici della VIELLE Acustica di Busto Arsizio nei rilievi fonometrici, si specifica che include fonometri, preamplificatori, microfoni e calibratori di classe 1, conformemente alle caratteristiche tecniche indicate nel DM 16/03/98 e alle Norme IEC 651/79 e 804/85 (CEI EN 60651/82 e CEI EN 60804/99).

Grazie a diversi anni di esperienza nel settore dell’igiene e della sicurezza ambientale e sul luogo di lavoro, i tecnici specializzati dell’azienda VIELLE Acustica sono in grado di eseguire rilievi fonometrici con strumenti di ultima generazione per verificare il disturbo causato dal rumore a cose e persone. L’azienda VIELLE Acustica di Busto Arsizio (VA) esegue rilievi acustici strumentali in conformità alle norme di legge per consentire la valutazione del rischio dovuto all’eccessiva esposizione al rumore ed eventualmente suggerire rimedi sottoforma di bonifiche acustiche o riduzioni della soglia di rumore.

Infatti, come si evince dal quadro generale tracciato dal D.Lgs. 81/08 (testo unico sulla sicurezza sul lavoro), la normativa vigente richiede al datore di lavoro di verificare quale sia il grado di esposizione al rumore dei propri lavoratori e, ove necessario, di intraprendere misure correttive dell’ambiente di lavoro al fine di tutelarli dai possibili disturbi a cui potrebbero altrimenti andare incontro.

In particolare, al fine di quantificare correttamente tale esposizione al rumore, è necessario misurare i livelli di rumore percepiti dalle singole attrezzature per ogni diversa mansione lavorativa, mettendoli in correlazione con l’effettiva esposizione giornaliera o settimanale del lavoratore. Il livello di esposizione al rumore (Lex) ottenuto per ogni mansione grazie al rilievo fonometrico, insieme ai valori di picco (Ppeak) riscontrati, permette un confronto con i valori limite di esposizione ed i valori di azione fissati dalla normativa, cui corrispondono differenti azioni che il datore di lavoro deve intraprendere.

I tecnici della Vielle Acustica realizzano apposite rilevazioni strumentali e fonometriche al fine di redigere apposita valutazione comprensiva di:

• valutazione del livello, del tipo e della durata dell'esposizione;

• valutazione dei dispositivi di protezione dell'udito (tappi, cuffie, ecc..) con adeguate caratteristiche di attenuazione;

• misurazione di tutte le postazioni di lavoro utilizzate dai dipendenti con caratterizzazione del livello equivalente di rumore riferito ad una giornata lavorativa o alla settimana (secondo la normativa internazionale ISO 1999:1990 punto 3.6.)

Per allinearsi con quanto prescritto dalla legislazione italiana ed europea in materia di sicurezza sul luogo di lavoro e tutelare la salute e il benessere dei dipendenti è necessario valutare l’esposizione al rumore e alle vibrazioni dei singoli lavoratori a contatto con macchinari e strumenti rumorosi. Per ottenere dati attendibili in merito, è sufficiente rivolgersi ai tecnici dell’azienda VIELLE Acustica di Busto Arsizio (VA) che interverranno in tempi rapidi per effettuare rilievi fonometrici indoor e outdoor.

L’azienda VIELLE Acustica esegue rilievi strumentali e fonometrici in provincia di Milano, Varese (Busto Arsizio, Varese, Gallarate, Luino, Arcisate, Gavirate, Besozzo, Laveno-Mombello, Castiglione Olona, Olgiate Olona, Somma Lombardo, Cassano Magnago, Vedano Olona, Marnate, Venegono Superiore, Vergiate, Cardano al Campo, Malnate, Fagnano Olona, Samarate, Castellanza, Tradate, Gerenzano, Cislago, Origgio, Saronno, Uboldo, Induno Olona, Gorla Minore, Caronno Pertusella, Lonate Pozzolo, Sesto Calende, Cairate), e Monza e Brianza (Monza, Carate Brianza, Arcore, Besana in Brianza, Bernareggio, Nova Milanese, Brugherio, Seregno, Lissone, Desio, Biassono, Bovisio-Masciago, Vimercate, Giussano, Muggiò, Meda, Seveso, Cornate d'Adda, Usmate Velate, Lentate sul Seveso, Concorezzo, Agrate Brianza, Villasanta, Varedo, Limbiate, Cesano Maderno).

 

Rilievi strumentali


L’azienda VIELLE Acustica di Busto Arsizio, in provincia di Varese, si occupa di una serie di attività volte a tutelare la salute e il benessere delle popolazioni e dei lavoratori, oltre alla sicurezza e salubrità dell’ambiente. Costituita da professionisti attivi nel settore del monitoraggio dell’inquinamento ambientale, della campionatura di polveri, radon e amianto, della rilevazione di campi elettromagnetici (CEM) e di radiazioni ottiche artificiali (ROA), dei rilievi fonometrici, della valutazione dei requisiti acustici passivi in edilizia, del rilievo di vibrazioni, delle bonifiche acustiche e delle certificazioni energetiche, VIELLE Acustica è un punto di riferimento per enti pubblici e private, aziende, lavoratori, professionisti e privati cittadini in provincia di Milano, Varese e Monza e Brianza.

Infatti, avvalendosi di personale altamente professionale specializzato nel settore della sicurezza e dell’ambiente, l’azienda VIELLE Acustica di Busto Arsizio può offrire alla committenza diversi servizi di rilevazione strumentale che includono rilevazioni acustiche in ambiente esterno, rilievo vibrazioni, piani comunali di zonizzazione acustica, progettazione di interventi di isolamento acustico, pratiche di autorizzazione e monitoraggio emissioni in atmosfera, analisi e campionamenti ambientali, verifica e progettazione dei requisiti acustici passivi degli edifici, progettazione di interventi di isolamento acustico, stesura DVR e consulenza in merito alla sicurezza sul lavoro, organizzazione e realizzazione corsi di formazione.

Grazie a un’offerta a tutto tondo nel settore della sicurezza ambientale e sul luogo di lavoro, i tecnici della VIELLE Acustica di Busto Arsizio sono in grado di eseguire rilievi strumentali per pubbliche amministrazioni, professionisti, aziende e privati cittadini nelle province di Milano, Monza e Brianza (Usmate Velate, Besana in Brianza, Monza, Cesano Maderno, Limbiate, Brugherio, Vimercate, Giussano, Muggiò, Varedo, Bovisio-Masciago, Biassono, Bernareggio, Agrate Brianza, Villasanta, Nova Milanese, Meda, Carate Brianza, Arcore, Seveso, Cornate d'Adda, Seregno, Lissone, Desio, Lentate sul Seveso, Concorezzo), e Varese (Luino, Arcisate, Besozzo, Vedano Olona, Gavirate, Cardano al Campo, Tradate, Somma Lombardo, Busto Arsizio, Varese, Cislago, Marnate, Gallarate, Castellanza, Sesto Calende, Malnate, Saronno, Cassano Magnago, Gerenzano, Uboldo, Induno Olona, Cairate, Origgio, Vergiate, Gorla Minore, Castiglione Olona, Olgiate Olona, Fagnano Olona, Samarate, Venegono Superiore, Caronno Pertusella, Lonate Pozzolo, Laveno-Mombello).

I tecnici qualificati della VIELLE Acustica sono in grado di eseguire rilievi strumentali negli ambienti di lavoro, nei centri urbani e all’interno degli edifici, al fine di valutarne la salubrità dal punto di vista della qualità dell’aria, della rumorosità, della presenza di vibrazioni, della luminosità e dell’inquinamento elettromagnetico. Grazie a una competenza a tutto tondo nel settore dell’inquinamento (ambientale, acustico, elettromagnetico e luminoso), i tecnici della VIELLE Acustica sono infatti in grado di intervenire in un ampio spettro di situazioni effettuando rilievi strumentali e suggerendo quali provvedimenti prendere per sanare le problematiche riscontrate.

In seguito a ciascuna rilevazione strumentale, il committente riceverà una relazione dettagliata indicante i dati rilevati, tutte le eventuali non conformità e le relative contromisure da attuare al fine di rendere l’ambiente più sano, sicuro e vivibile per lavoratori, cittadini, flora e fauna locali. L’azienda VIELLE Acustica effettua nello specifico:

Rilievi strumentali con finalità di tutela ambientale e sicurezza delle popolazioni, quali:

    • rilievi e monitoraggi emissioni in atmosfera, con campionatura amianto, radon, polveri e altri agenti inquinanti;
    • rilievi rumori e vibrazioni, con valutazioni impatto acustico e requisiti acustici passivi;
    • misurazioni campi elettromagnetici (CEM) e radiazioni ottiche artificiali (ROA).

Rilievi strumentali e monitoraggio delle emissioni in atmosfera, con prelievi effettuati allo scopo di operare campionamenti di polveri e gas

Rilievi strumentali in ambienti di lavoro, tra cui

    • rilievi rumori (fonometrie) per valutare l’esposizione al rumore;
    • rilievi vibrazioni meccaniche per prevenzione sindrome mano-braccio e altre patologie a carico del corpo intero;
    • misure dei campi elettromagnetici (CEM);
    • rilievi radiazioni ottiche artificiali (ROA);
    • monitoraggio microinquinanti aerodispersi negli ambienti di lavoro;
    • campionatura polveri e fibre amianto;
    • misure radiometriche e rilevazioni radon.

Grazie alla loro esperienza a tutto tondo nel settore della salute e della sicurezza ambientale e sul luogo di lavoro, i tecnici della VIELLE Acustica di Busto Arsizio (VA) sono interlocutori attenti e preparati a cui rivolgersi per l’esecuzione di rilievi strumentali e fonometrici in Lombardia, e nello specifico nelle province di Varese, Milano e Monza e Brianza.

Rilievo vibrazioni

VIELLE Acustica è un’azienda con sede a Busto Arsizio, specializzata in rilievo vibrazioni, valutazioni impatto acustico, bonifiche acustiche, rilievi fonometrici e strumentali, certificazioni energetiche e certificazioni acustiche per macchinari, monitoraggio dell’inquinamento ambientale, campionatura polveri (amianto, radon), rilevazione campi elettromagnetici, zonizzazioni acustiche e corsi di sicurezza in provincia di Varese, Milano, Monza e Brianza. Grazie a un team di professionisti in grado di stabilire i requisiti acustici passivi di edifici e luoghi aperti, di rilevare i rumori dell’edilizia, i valori di campi elettromagnetici, le radiazioni ottiche artificiali e le emissioni atmosfera pratica, VIELLE Acustica è un punto di riferimento per la sicurezza ambientale e la salute delle persone in tutta la Lombardia.

vibrazioni ambientali 1.JPGvibrazioni ambientali.JPG

Le vibrazioni che si avvertono negli edifici possono essere dovute a cause naturali come fenomeni sismici, vento e scosse di assestamento, oppure possono essere legate ad attività umane quali il traffico di veicoli su gomma e su rotaia, il funzionamento di macchinari (magli, presse, ecc.), i lavori stradali ed edili (perforatori, battipalo, ecc.), le detonazioni di cariche esplosive, eccetera. Una caratteristica che accomuna tanto le vibrazioni di origine naturale quanto le vibrazioni prodotte dall’uomo è il loro potenziale di disturbo e danneggiamento nei confronti delle persone e delle cose esposte.

Le persone che, per ragioni di lavoro o personali, frequentano ambienti sottoposti a vibrazioni eccessive possono soffrire di una decisa riduzione del proprio benessere, con conseguenze sulla salute in termini di stress o patologie più gravi: ecco perché è importante poter effettuare una misurazione attendibile delle vibrazioni che caratterizzano macchinari o ambienti, al fine di stabilire se esse superano limiti stabiliti per legge, con conseguenti rischi per la salute umana e la sicurezza di cose ed edifici. L’azienda VIELLE Acustica si occupa del rilievo di vibrazioni in ambienti domestici e lavorativi in provincia di Milano, Varese, Monza e Brianza, al fine di stabilire l’impatto e le possibili conseguenze di tali vibrazioni sull’uomo e sul suo ambiente.

Rilievo vibrazioni: elasticità dei materiali e parametri cinematici

A seconda dello stato di aggregazione delle molecole che li compongono, i diversi materiali sono caratterizzati da gradi di elasticità variabili. In caso di perturbazioni esterne al materiale, e dovute a sorgenti quali attività lavorative, detonazioni o trasporti, può prodursi un moto oscillatorio che va ad interrompere la situazione di equilibrio, generando vibrazioni meccaniche.

Dal punto di vista fisico, le vibrazioni possono essere caratterizzate in base a frequenza, lunghezza d’onda, ampiezza, velocità e accelerazione, ma è più corretto riferirsi ai tre parametri cinematici che permettono di misurare le vibrazioni eseguendo un rilievo attendibile, per stabilire se esse superino o meno i parametri stabiliti per legge, e dunque siano potenzialmente dannose per la salute. I tre parametri cinematici utilizzati dai tecnici della VIELLE Acustica per eseguire il rilievo delle vibrazioni in provincia di Varese, Monza e Brianza e Milano sono:

• accelerazione

• spostamento

• velocità

vibrazioni ambientali 1.JPGvibrazioni ambientali.JPG

Rilievo vibrazioni in ambiente di lavoro - effetti delle vibrazioni sulla salute


I rischi di salute più gravi conseguenti all’esposizione a vibrazioni sono perlopiù inerenti all’ambito lavorativo. Le problematiche di salute conseguenti all’esposizione a vibrazioni variano in funzione dell’intensità, frequenza e direzione di propagazione delle vibrazioni, della durata di esposizione alle vibrazioni e dell’estensione della zona di contatto con l’oggetto che vibra. In particolare si distinguono due situazioni di esposizione a vibrazioni, con conseguenti problematiche di salute differenti:

• esposizione a vibrazioni a bassa frequenza, come nel caso dei conducenti di veicoli;

• esposizione a vibrazioni ad alta frequenza, per tutte quelle attività lavorative che utilizzano attrezzi manuali a percussione.

L'esposizione umana a vibrazioni si differenzia inoltre in:

• Esposizione del Sistema Mano-Braccio, HAV

• Esposizione del corpo intero, WBV

Statisticamente si è rilevato che le parti del corpo maggiormente colpite da problemi conseguenti l’esposizione a vibrazioni sono le ossa e le articolazioni della mano, del polso e del gomito. Infatti, i lavori che prevedono la necessità di impugnare utensili vibranti o materiali sottoposti a vibrazioni o impatti, possono indurre un insieme di lesioni osteoarticolari a carico degli arti superiori, disturbi neurologici e circolatori digitali, che vengono complessivamente indicate come Sindrome da Vibrazioni Mano-Braccio.

vibrazioni ambientali 1.JPGvibrazioni ambientali.JPG

Tutti coloro che per ragioni lavorative utilizzano regolarmente macchinari o utensili manuali vibranti sono potenzialmente esposti al rischio di contrarre la sindrome da vibrazioni, che può avere conseguenze invalidanti e irreversibili. I primi sintomi della sindrome da vibrazioni mano-braccio possono comparire dopo pochi mesi o dopo qualche anno, a seconda del soggetto, del tempo di esposizione e dell’ampiezza della vibrazione. Se nel caso di esposizione occasionale a vibrazioni, il verificarsi di conseguenze negative di lungo termine è piuttosto improbabile, nel caso di esposizione frequente e regolare a vibrazioni intense può invece causare problemi di salute permanenti e irreversibili.

Ecco perché anche la legge tutela i lavoratori esposti regolarmente a vibrazioni e impone che l’esposizione a vibrazioni sia monitorata e non superi determinati livelli. In particolare, la “Direttiva Macchine” (89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE, 93/68/CEE), recepita in Italia con il D.P.R. 24 luglio 1996 n. 459, stabilisce i requisiti inderogabili a cui devono attenersi i macchinari immessi sul mercato europeo, ai fini di tutelare gli utenti da rischi associati al loro impiego.

Il Titolo VIII Capo III del DLgs 81/08 “Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a vibrazioni” impone l’obbligo per il datore di lavoro di valutare e/o di misurare i livelli di vibrazioni meccaniche a cui i lavoratori sono esposti e il potenziale rischio per la salute. In particolare, i costruttori di macchine portatili tenute o condotte a mano sono tenuti a dichiarare “il valore medio quadratico ponderato in frequenza dell’accelerazione cui sono esposte le membra superiori quando superi i 2.5 m/s”. Inoltre, la Direttiva Macchine prescrive: “La macchina deve essere progettata e costruita in modo tale che i rischi dovuti alle vibrazioni trasmesse dalla macchina siano ridotti al livello minimo, tenuto conto del progresso tecnico e della disponibilità di mezzi atti a ridurre le vibrazioni, in particolare alla fonte”.

Ma che cosa si può fare concretamente per tutelare la salute dei lavoratori esposti a vibrazioni? Innanzitutto è bene accertarsi che i valori di vibrazione dichiarati dalla casa costruttrice siano conformi alla direttiva macchine, ma per ottenere valutazioni più attendibili del livello di esposizione alle vibrazioni si consiglia di effettuare misurazioni presso la postazione di lavoro. Ad oggi, infatti, il metodo di definizione più accurata del livello di vibrazioni generato da un macchinario o un utensile è il rilievo delle vibrazioni eseguito sul posto.

I tecnici VIELLE Acustica, operanti in Lombardia e in particolare in provincia di Varese, Milano, Monza e Brianza, possono recarsi in loco per effettuare un rilievo attendibile delle vibrazioni e occuparsi della completa elaborazione del documento di Valutazione del rischio vibrazioni, a partire da un’attenta analisi del ciclo di produzione, dalle procedure di lavoro, e degli ambienti di lavoro, individuando le attrezzature utilizzate dai lavoratori che possono produrre vibrazioni trasmesse al corpo intero e al sistema mano-braccio, le condizioni e i tempi di utilizzo.

Solo specialisti nel campo dell’igiene professionale come i tecnici di VIELLE Acustica sono in grado di valutare l’esposizione alle vibrazioni, diagnosticando i rischi presenti e futuri e indicando soluzioni per la prevenzione di eventuali danni di salute. In caso desideriate approfondire la tematica dell’esposizione a vibrazioni sul luogo di lavoro, dei rischi conseguenti per la salute e della Sindrome da Vibrazioni Mano-Braccio, si raccomanda la lettura di questo utile opuscolo  (http://www.ispesl.it/linee_guida/fattore_di_rischio/mano.pdf), preparato nell’ambito del programma sulle vibrazioni della Commissione dell’Unione Europea BIOMED II ( B M I - 1 4 -CT98-329) con l’obiettivo di aiutare i datori di lavoro e coloro che hanno la responsabilità della prevenzione dei rischi sul lavoro ad adottare misure preventive per diffondere la consapevolezza dei rischi e migliorare la sicurezza e la salute nella loro azienda